IA

MAZZATINTI

La vita individuale, sociale ed economica sarà radicalmente trasformata dalle applicazioni della IA, intelligenza artificiale, nei prossimi anni.  La pandemia in atto sta facendo da accelleratore per un cambiamento epocale.


Serve una scuola che sia parte attiva nel preparare i propri ragazzi al FUTURO.

 

Queste pagine riportano il tentativo dei docenti e dei ragazzi del Liceo scientifico dell' IIS Mazzatinti di Gubbio di mostrare questo cambiament. Una lunga serie di progetti riportati, dall' a.s. 2017-18 ad oggi, in questa pagina proprio attraverso un software online basato sull'intelligenza artificiale.

Uno sguardo rivolto verso il futuro caratterizzato da  questo ultimo prodotto dell'homo sapiens, ovvero  l'intelligenza artificiale, che pretende però una consapevolezza per essere gestita e non subita.

Lo scorso anno, a.s. 2019-20, nonostante le difficoltà incontrate si è sviluppato  il nostro impegno con la partecipazione al Futura Assisi. Qua la natura di "ponte tra due culture", umanistica  e scientifica,  del Liceo Scientifico ha preso forma nelle modalità dei libri interattivi e multimediali. Libri dell'ecosistema Apple utilizzati per narrare il nostro percorso tra codice e  robotica.

 

Percorso che ha portato il Liceo ad aggiungere al suo curricolo orario un'ora aggiuntiva di "codice e modellizzazione matematica" al biennio e di dotarsi di robot kit per il lavoro di classe. I ragazzi del triennio hanno trasmesso le conoscenze acquisite con i corsi extracurricolari ai più giovani ragazzi delle prime.

La "modellizzazione matematica" sarà sviluppata con software all'avanguardia come Matlab e Simulink nella didattica del triennio e con corsi extracurricolari.

Durante il Futura Assisi avevamo incontrato, e poi sviluppato, la realtà Virtuale. la scuola si è dotata di visori di realtà aumentata di vario tipo e li abbiamo utilizzati per esperienze rivolte allo studio delle scienze, dell'arte e per non dimenticare lo sterminio ebraico del XX secolo.

Gli incontri con il Dipartimento di Matematica ed Informatica dell'Università degli Studi di Perugia si sono concretizzati con diverse giornate di lavoro. Durante il periodo della didattica a distanza si è permesso a più ragazzi possibili di conoscere il "machine learnig" e le sue caratteristiche, con una conferenza con la dott.ssa Valentina Poggioni di Unipg.

 

Quest'anno stiamo sviluppando anche la realtà aumentata, oltre ad aver creato un canale per la "robotica educativa" ad uso interno per un adidattica peer to peer".

Nel biennio 2018-20 il mondo della partecipazione politica che è stato "saggiato" con varie piattaforme per la democrazia partecipativa online in forma laboratoriale dai nostri ragazzi. Lavoro concluso come progetto laboratoriale di "Cittadinanza e Costituzione" che ha visto la "democrazia diretta" utilizzata con il voto tramite la stessa piattaforma scolastica utilizzata dall'Istituto Mazzatinti per la didattica a distanza: G-Suite.

La storia della IA ed il suo rapporto con la filosofia, assieme al nuovo modello proposto dal prof. Mancuso, il "plantoide", che propone l'intelligenza delle piante come riferimento operativo alternativo al cervello umano sono state affrontate nel l'a.s. 2018-19.

posterone senza scritte.jpg
IA_ scuola e futuro 2018-19

Già nel 2018-19 si era dato vita ad un corso extracurricolare sulla robotica con una didattica "peer to peer" che aveva visto i ragazzi dello scorso anno diventare i "docenti" dei loro colleghi. Lavoro iniziato già nell'anno precedente con la scuola che si era dotata di 4 robot-kit per un percorso extrascolastico aperto ai ragazzi del triennio che aveva spaziato dall'uso del codice al suo utilizzo per "muovere" i robot ed applicazioni  per tablet o smartphone del mondo Android. Assieme ad esso ci siamo confrontatati con il codice del mondo Apple con un'altro corso extracurricolare grazie alla dotazione di iPad della scuola.

La partecipazione alle attività del "PNSD", come il "Futura Terni" e il concorso "#ilmiopnsd2019" sono state i nostri momenti divulgativi di questi primi anni.

 

I lavori si erano aggiunti a quelli che avevano ripercorso i grandi cambiamenti avvenuti nella storia dell'umanità legati al progresso tecnologico, con il percorso diacronico sui grandi cambiamenti del passato, fino alla realtà produttiva attuale. Realtà toccata con mano negli stabilimenti dove l'automazione e l'Industria 4.0 era già aspetto caratterizzante.

I cambiamenti nel mondo del lavoro, della società e del diritto erano stati approfonditi nella prima fase grazie alla disponibilità di personalità come i professori Volpi Segatori in due conferenze filmate e fotografate dai nostri ragazzi, ed attraverso un incontro con il prof. Gatto con una lettura critica delle nuove "relazioni" sociali. Un'accenno alla SPE, la storia del pensiero economico, permette di inquadrare in una propspettiva critica l'esistente produttivo.

I cambiamenti nel rapporto tra uomo e macchina sono stati anche analizzati nelle prospettive filosofiche, letterarie e  cinematografiche partendo dall'uscita di films come "Matrix", "Blade Runner", "Io, Robot"  e risalendo alle antecedenti opere letterarie del cyberg-punk, soffermandosi sulla "coscienza" e la Rivoluzione informatica.

Tutto il percorso, compreso il sito come aggregatore finale dei prodotti, si è mosso mettendo al centro i ragazzi nelle varie forme laboratoriali possibili, convinti che conoscenze e creatività siano essenziali nel mondo a venire.

Schermata 2018-05-19 alle 13.50.50
Schermata 2018-05-19 alle 13.51.01
Schermata 2018-05-19 alle 13.51.15
Schermata 2018-05-19 alle 13.51.28
Schermata 2018-05-19 alle 13.51.49
Schermata 2018-05-19 alle 13.51.38

Infine, proprio per quando attiene alle conoscenze si è potenziato lo studio  delle neuroscienze nel Liceo scientifico. Un campo  di studio strategico nonché base del "modello di sviluppo" dominante nel campo della IA con la creazione di "reti neurali": modello visibile nel "machine Learning" e nel "deep Learning".

 

 Il Liceo, prima dello stop alle manifestazioni imposto dalla pandemia, aveva partecipato con gruppi di ragazzi delle classi quarte  a delle lezioni specifiche presso l'Università degli studi di Perugia per la partecipazioni alle "olimpiadi delle Neuroscienze 2018" e "2019".  I ragazzi avevano seguito una serie di seminari presso la Facoltà di Medicina, tenuti dal prof. Franciolini del Dipartimento di Chimica, Biologia Biotecnologie, dal prof. Donato, ordinario di Anatomia della Facoltà di Medicina e dal prof Calabresi Direttore della Scuola di Specializzazione in Neurologia. 

Al termine della pandemia in atto riprenderemo anche queste attività.